3.1s COMUNICAZIONI ARERA

Eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell’Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti

Comunicazioni ARERA

3.1r DOCUMENTI DI RISCOSSIONE ONLINE

Indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione
 
non si fornisce il servizio

3.1p INFORMAZIONI PER OMESSO PAGAMENTO

Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

DAL REGOLAMENTO COMUNALE:

Articolo 28

SANZIONI ED INTERESSI

  1. In caso di omesso o insufficiente versamento risultante dalla dichiarazione, si applica la

sanzione del trenta per cento di ogni importo non versato. La medesima sanzione si applica

in ogni ipotesi di mancato pagamento nel termine previsto; per i versamenti effettuati con un

ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione, oltre alle riduzioni previste per il

ravvedimento dal comma 1 dell'articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472,

se applicabili, è ulteriormente ridotta ad un importo pari ad un quindicesimo per ciascun

giorno di ritardo. La sanzione non è invece applicata quando i versamenti sono stati

tempestivamente eseguiti ad ufficio o concessionario diverso da quello competente.

  1. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, si applica la sanzione dal 100 per cento

al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro.

  1. In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del

tributo non versato, con un minimo di 50 euro.

  1. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario di cui al comma 2

dell'articolo 26 del presente regolamento entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello

stesso, si applica la sanzione da euro 100 a euro 500.

  1. Le sanzioni di cui ai commi da 2 a 4 sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la

proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente, con pagamento del

tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi.

  1. Sulle somme dovute per la tassa non versata alle prescritte scadenze si applicano gli

interessi moratori nella misura pari al tasso di interesse legale vigente. Tali interessi sono

calcolati con maturazione giorno per giorno, con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti

esigibili.

  1. La contestazione della violazione deve avvenire, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre

del quinto anno successivo a quello in cui è commessa la violazione.

  1. Nell’attività di recupero delle annualità pregresse non si dà luogo ad emissione di avviso di

accertamento quando l’importo dello stesso per imposta, sanzione ed interessi risulti inferiore

ad euro 12,00.

  1. La disposizione di cui al comma precedente non si applica qualora il credito derivi da ripetuta

violazione degli obblighi di versamento.

3.1q SEGNALAZIONI ERRORI IMPORTI

Procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile

Per i contribuenti che abbiano verificato un’incongruenza nei dati di dettaglio dell’invito al pagamento ricevuto o che debbano comunicarne una variazione: inviare comunicazione all'indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3.1o SCADENZE PER IL PAGAMENTO

Scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso

La TARI si versa entro le scadenze indicate nell'avviso di pagamento.

Le date di scadenza che cadono di domenica o giorno festivo vengono posticipate al primo giorno feriale successivo.

Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del ravvedimento operoso, che permette al contribuente di sanare spontaneamente, entro precisi termini temporali, il mancato o parziale pagamento, beneficiando di una consistente riduzione delle sanzioni (art. 13 D.Lgs. 472/1997).

Percorso